Editoria Precaria (ma non solo)

Tra disoccupazione e precariato selvaggio

La laurea in Filosofia non è inutile

«La filosofia è quella cosa con la quale o senza la quale il mondo rimane tale e quale»

È questo quello che mi sono sentita ripetere da quando decisi di frequentare questo corso di laurea, cioè dai miei 17 anni. E molte volte, nel corso degli anni post-laurea, ho maledetto questa mia scelta, anche perché ero (sono?) molto più portata per materie scientifiche (avrei scelto Fisica o Matematica in alternativa, se un meteorite avesse spazzato via Filosofia da ogni facoltà). Ci sono pro e contro in qualsiasi scelta universitaria si faccia.

Cominciamo dai CONTRO.

liars-paradox1. Molti studenti di Filosofia sono spesso e volentieri “alternativi” e scelgono questa facoltà solo per moda, per distinguersi. Questo svaluta molto il corso di laurea che, a mio parere, è invece uno dei più complessi e completi.

2. I professori si “adeguano” agli studenti che hanno di fronte, regalando 30 a chi ha la parlantina da “rappresentante di istituto”, sorvolando invece sulla reale attitudine alla disciplina in oggetto.

3. È una laurea che non prepara a fare niente di pratico né di “intellettuale”, è fine a se stessa, è come se fosse uno strumento che, però, sta allo studente capire come, quando, perché utilizzare.

4. Studiando filosofia per 5 anni si rischia di perdere il contatto con la realtà: si impara ad analizzare i fatti, le persone e i pensieri da un punto di vista teoretico e non concreto. Attenzione e piedi a terra!

5. Il corso di studi prepara a tutto e a niente, è necessario scegliere un preciso argomento (orientamento), a scapito di altri, per non perdersi in mille nozioni senza poi approfondirne alcuna. È una facoltà dispersiva.

UnknownVediamo quali sono i PRO.

1. Se sarete bravi a organizzare il piano di studi, vi si apriranno le porte del “sapere”, delle origini di ogni disciplina, dalla matematica alla teologia, dal linguaggio al cosmo, dall’etica all’arte. Se, quindi, siete curiosi e credete nelle potenzialità della scienza (in senso lato), avrete pane per i vostri denti e rimarrete affascinati da ogni esame. Scordatevi la “storia della filosofia” che si fa al liceo: è proprio un altro pianeta.

2. Dopo la laurea, in verità, avrete molte possibilità ma saranno favoriti coloro che hanno idee chiare. Se volete insegnare, potete farlo con un piano di studi ad hoc; se volete lavorare nelle risorse umane, potrete iniziare con uno stage e poi continuare su questo percorso con corsi di formazione; se volete approfondire l’interazione tra informatica e linguaggio, sarete i privilegiati in aziende come Microsoft (con un piano di studi ad hoc, sempre); se volete lavorare in editoria o in aziende di produzione come impiegato generico, come commerciale, come segretaria, potete farlo: la laurea in filosofia vi dà un’elasticità mentale che pochi possono vantare e le aziende (serie) lo sanno. Sta a voi saperla sfruttare al meglio.

Physicist_Stephen_Hawking_in_Zero_Gravity_NASA3. Se avete attitudine anche voi alle materie scientifiche, sarete favoriti grazie al pensiero “logico” che sottostà ad ogni disciplina filosofica. Inoltre, per approfondire questo aspetto, ci sono esami che farebbero impallidire qualsiasi matematico e che, sicuramente, vi daranno grandi soddisfazioni. Logica, filosofia del linguaggio, semiotica, semantica, filosofia della mente, informatica umanistica, filosofia della scienza, cosmologia, epistemologia sono le materie con cui potrete confrontarvi.

4. Non c’è divisione tra umanistico e scientifico, anzi: la filosofia favorisce l’interdisciplinarità e, se dovessi tornare indietro, approfondirei il legame tra informatica e linguaggio, oppure tra fisica e cosmologia, tra psicologia cognitiva e filosofia della mente, tra semiologia e i disturbi del linguaggio. Non si studia solo il “vecchio”, ma si possono esplorare spazi ancora sconosciuti.

images5. Se siete bravi, potete far fruttare la vostra laurea in qualsiasi campo della vita: nel lavoro potrete guardare “oltre” e aprirvi strade innovative nel campo dell’informatica, per esempio, oppure seguire strade più tradizionali, consapevoli però che la formazione non si concluderà con il diploma di laurea (master e corsi professionali sono necessari); nella vita avrete a disposizione strumenti utili a capire che cosa si cela dietro il marketing, dietro la politica, dietro un quadro, dietro un disagio esistenziale. Non sottovalutate ciò che apprenderete durante il corso di studi, si rivelerà utile in campi che non immaginerete.

… e quindi?

Ovviamente questi sono tempi oscuri e difficili per tutti i laureati e, per ragioni storiche, la laurea in Filosofia è sempre stata vista come penalizzante nella ricerca del lavoro. Bisogna essere consapevoli che non avrete alcuna professionalità, una volta terminato questo corso di studi. Ma tenete conto che se scegliete ingegneria, architettura, medicina ecc. conseguirete una vera e propria professionalità DOPO la laurea, quindi non fatevi abbagliare dai titoli e pensate che cosa volete realmente fare nella vita.

È ovvio che se volete fare l’insegnante la strada sarà in salita qualsiasi facoltà scegliate, ma la concorrenza nei laureati in filosofia è spietata. Ci sono troppi laureati in filosofia e storia.

Di contro, se scegliete una strada diversa (cosa che mi auguro), coltivate le vostre passioni in parallelo con il corso di laurea e cercate di capire che cosa volete davvero fare nella vita prima di terminare il corsi di studi. Poi considerate uno o due anni di formazione ulteriore, questa volta il più specialistica possibile.

E qui avrete la fortuna di scegliere davvero qualsiasi cosa (o quasi), secondo la vostra attitudine: economia, lingue, editoria, informatica, risorse umane, sicurezza, grafica…

Quindi, pensateci bene, non scegliete questa facoltà alla leggera, è bella e utile solo quando viene presa seriamente e, soprattutto, tenete sempre i piedi per terra e approfondite ciò che vi sarà utile nella vita professionale futura.

Buona fortuna! 🙂

Advertisements

6 commenti su “La laurea in Filosofia non è inutile

  1. Pingback: La laurea in Filosofia non è inutile (di PhilosoBia) | Evaporata scrittrice

  2. Pingback: Laurea in Filosofia: Come viene considerata all’Estero? | Editoria Precaria (ma non solo)

  3. Craxi
    18 agosto 2015

    Filosofia non serve a una sega.

    • ulisse
      30 dicembre 2015

      Quasi niente serve più a qualcosa in un mondo in cui si laurea quasi chiunque.Sono finiti per sempre gli anni in cui i dottori erano il fiore all’occhiello della società e potevano godere del vanto di distinguersi da chi si doveva invece sporcare le mani per guadagnarsi un tozzo di pane. Oggi la giungla,quella che definiamo massa,non è più fatta di poveri incolti,ma di dottori. Partendo da questo presupposto non ha più senso pensare che esista un percorso universitario meno opportuno di un altro,il punto della questione è scegliere cosa veramente faccia per se stessi nella vita. Altrimenti ci si sente in dovere (perdendo la consapevolezza che lo studio è innanzitutto un diritto!) di seguire percorsi obbligati da chi suggerisce che questi portino a sbocchi reali e concreti e di sottoporcisi con la forza anche senza esserne inclini e magari non riuscendo più a studiarci dentro fino al conseguimento della laurea,laurea che ci si illude debba servire a qualcosa quando accanto alla tua figura uscente ti stava già aspettando da tempo una fila di persone con il tuo stesso titolo pronta a proporsi per concorrere nello stesso mercato a cui tanto ambivi tu e dove pensavi ci fosse almeno un posticino pronto per te ma che . Questo perché invece di sognare e di seguire il tuo istinto ti sei imposto con la forza un sacrificio che avrebbe dovuto portare a un risultato “qualificante” ma che ha finito per lasciarti l’amaro in bocca.
      Parola di una persona che ha studiato tanto per competere nell’ingresso di facoltà a numeri chiusissimi riservati a pochissime persone,ci è riuscita e ne è rimasta delusa fin da subito.

      • Bia
        29 settembre 2016

        Caro Ulisse…mi dispiace, hai ragione completamente. Sono certa che la svolta prima o poi arriva a chi ci ha messo impegno e non si fa “inscatolare” in vite precostituite. in bocca al lupo!!!

  4. ulisse
    30 dicembre 2015

    Quasi niente serve più a qualcosa in un mondo in cui si laurea quasi chiunque.Sono finiti per sempre gli anni in cui i dottori erano il fiore all’occhiello della società e potevano godere del vanto di distinguersi da chi si doveva invece sporcare le mani per guadagnarsi un tozzo di pane. Oggi la giungla,quella che definiamo massa,non è più fatta di poveri incolti,ma di dottori. Partendo da questo presupposto non ha più senso pensare che esista un percorso universitario meno opportuno di un altro,il punto della questione è scegliere cosa veramente faccia per se stessi nella vita. Altrimenti ci si sente in dovere (perdendo la consapevolezza che lo studio è innanzitutto un diritto!) di seguire percorsi obbligati da chi suggerisce che questi portino a sbocchi reali e concreti e di sottoporcisi con la forza anche senza esserne inclini e magari non riuscendo più a studiarci dentro fino al conseguimento della laurea,laurea che ci si illude debba servire a qualcosa quando accanto alla tua figura uscente ti stava già aspettando da tempo una fila di persone con il tuo stesso titolo pronta a proporsi per concorrere nello stesso mercato a cui tanto ambivi tu e dove pensavi ci fosse almeno un posticino pronto per te ma che . Questo perché invece di sognare e di seguire il tuo istinto ti sei imposto con la forza un sacrificio che avrebbe dovuto portare a un risultato “qualificante” ma che ha finito per lasciarti l’amaro in bocca.
    Parola di una persona che ha studiato tanto per competere nell’ingresso di facoltà a numeri chiusissimi riservati a pochissime persone,ci è riuscita e ne è rimasta delusa fin da subito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: