Editoria Precaria (ma non solo)

Tra disoccupazione e precariato selvaggio

Liebster Award, grazie!

Sono stata segnalata! No, non mi arrestano per ora 🙂
Una lettrice mi ha segnalato per il premio Liebster Award. Che dire, gioia e gratitudine infinita, visto che questo mio blog (un po’ spin-off) è nato da pochissimo, anche se raccoglie pensieri e dolori dell’ultimo anno. Quindi grazie mille cara Alessandra!

Ora nomino 11 blog (in ordine sparso) che mi piacciono moltissimo, che seguo e ai quali assegno a mia volta il premio (prendetelo senza obbligo di “replica” 😉 ):

1. Barbara Picci
2. Le journal de Nina
3. Giovane, carina e disoccupata
4. Le muse di Kika
5. Interviste dal mondo
6. Un’antropologa nel web 2.0
7. See Emily play
8. Evaporata scrittrice
9. Pompelmi in controluce
10. La nonna dietro il vetro
11. Donnalimone
12. Le mie prigioni (Silvio Pellico stava meglio)

liebster-award

Perché un blog?
Perché un anno fa scrivevo a tempo pieno per lavoro, ma odiavo il mio lavoro, per varie ragioni, e stavo cadendo in un buco nero. Quindi ho cercato un modo per tornare sui binari e il blog mi ha consentito di farlo, scrivendo di tutto un po’, di ciò che amo e di ciò che odio: una sorta di sublimazione che si è rivelata molto positiva e coinvolgente anche dal punto di vista umano. Da poco, poi, i blog sono diventati due, per differenziare gli argomenti più “fru fru” da quelli legati al mondo editoriale. La “schizofrenia virtuale” ha avuto la meglio, speriamo bene…

Chi ti credi di essere?
Fondamentalmente una sfigatta. (No, non è un refuso).

Hai mai visto Lost?
Ho visto qualche puntata a caso, ma l’ho trovato idiota. (Non odiatemi).

Una cosa che non rifaresti mai più.
Non mi butterei al 100% nel mondo editoriale, non per professione principale almeno.

Andare o restare?
Andare, sempre, anche quando si resta.

Autore preferito.
Non ne ho, perché prima o poi mi deludono tutti. O forse li deludo io, visto che cambio sempre idee e opinioni. Leggo in base agli stati d’animo… e ho detto tutto.

Libro preferito.
Ne ho diversi. Il mondo di Sofia mi ha rappresentato per molto tempo e l’ho amato follemente. Poi, crescendo, ho amato molto Le dee dentro la donna. E lo amo tutt’ora.

Racconto o romanzo?
Romanzo, di solito.

Anche tu trovi patetiche il 95% delle pubblicità?
Direi proprio di sì. Odio la pubblicità in generale, per non parlare del marketing.

L’ultimo sogno che hai fatto.
In macchina, guidava un’altra persona e dopo una manovra da imbecille ho deciso che non sarei mai salita in macchina ancora con questa persona.

Ora, se volete, potete rispondere alle stesse domande premiando a vostra volta altri blog (dovrebbero essere 11, io ne ho messi 12). Le regole ufficiali vogliono che, inoltre, si scrivano undici cose su voi stessi (io l’ho saltata), che formuliate altre undici domande a cui dovranno rispondere gli altri blogger (saltato anche questa) e informare i blog del premio.

Ma fate quello che volete, sempre e comunque, basta che non facciate del male a nessuno 😛

Annunci

9 commenti su “Liebster Award, grazie!

  1. Barbara Picci
    17 febbraio 2014

    Wow! Grazie grazie grazie 🙂

    • Bia
      17 febbraio 2014

      Il tuo blog merita questo e altro!

  2. Pingback: Liebster Award, grazie! | Evaporata scrittrice

  3. NonnaSo
    17 febbraio 2014

    mitttttica! Mittica donnaa! ahaha #grazie !

    • Bia
      17 febbraio 2014

      😀 grazie a teeee! :*

  4. Kika
    17 febbraio 2014

    Grazie per il premio, mi fa piacerissimo!! Che bello il tuo nuovo blog, molto “pulito” graficamente e, nei contenuti, di sicuro utile per continuare a confrontarci sui nostri consueti problemi da precarie (anche se in settori diversi: tutto il mondo precario è paese 😉
    Grazie anche per aver segnalato il libro “Le dee dentro la donna”, dev’essere molto rivelatore. Tempo fa io tramite uno psicotest ho scoperto di “essere Persefone”: mi ero sorpresa delle somiglianze che avevo in effetti con quell’archetipo. Approfondire il tutto in un libro “serio” sarebbe fantastico!
    (di questo legame con Persefone ho fatto un accenno qui http://lemusedikika.blogspot.it/2012/05/il-mare-dei-papaveri-modafotografia.html e un altro qui http://lemusedikika.blogspot.it/2013/04/mama-o-non-mama-modafotografia.html ma prima o poi mi piacerebbe fare un post completamente dedicato a questa figura mitologica).

    • Bia
      17 febbraio 2014

      Ciao Kika! Grazie a te 🙂
      E siamo anche sorelle “persefone” ahahah! Anche se poi ogni “dea” è dentro di noi secondo vari momenti (mi sa che sono stata anche Atena a volte, orribile). Se ti capita di leggere il libro poi sono curiosa di sapere che cosa ne pensi. Ora vado a leggermi i tuoi post 🙂

  5. Emily
    17 febbraio 2014

    Ti ringrazio moltissimo 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17 febbraio 2014 da in Vita da blogger con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: