Editoria Precaria (ma non solo)

Tra disoccupazione e precariato selvaggio

Identikit del redattore editoriale: ridiamoci sopra!

Indovina chi?!
Nel caso trovaste qualcuno che corrisponde a questa descrizione, in metro o sul treno, potete tirargli una manata forte forte sul coppino, per vedere l’effetto che fa 🙂

5435962705_016bfa6928_o• Solitamente è donna, tra i 30 e i 55
• Fa di tutto per dire al mondo: io non cedo alla moda, anche se il suo abbigliamento costa, magari, quanto una casa in centro a Milano
• Ha i capelli corti senza un taglio preciso o, se è dotata di chioma alla Beyoncé, li porta sciolti con finta noncuranza, e sono direttamente collegati ai nervi della sua mano (fa i riccioli, li sposta a destra e a sinistra, li scansa, li vaporizza ogni volta che parla o quando sta zitta)
• È accompagnata, di solito, da borse enormi che Mary Poppins, in confronto, è solo una povera pivella. Lì dentro c’è tutto l’occorrente del piccolo redattore (gomme, matite, libri, libri, libri) accompagnato rigorosamente da plichi e plichi di bozze, prime seconde o terze. A volte addirittura da ciano, che la brava redattrice editoriale porta in grembo come fosse un infante e GUAI A CHI SI AVVICINA!
• Il vestiario non vi può sfuggire: alternativo. Ma non troppo. Tipo: cappottino slim di colori improponibili oppure di taglio ricercato che ci metterete un’ora a capire dove sono i bottoni, pantaloni di fustagno (sì, esistono ancora), scarpe rigorosamente basse, obbligatoria è la sciarpona da avvolgere attorno al collo e da tenere bene in vista, in inverno e in estate. Oppure: gonne strambe e maglioni che manco vostra nonna… Il tutto con calze arancioni, viola o, meglio ancora, a righe arancioni e viola.
• Se si trucca (e dio solo sa quanto dovrebbero farlo tutte), lo fa in maniera, ovviamente, alternativa: rossetto rosso su viso butterato oppure ombretto azzurro e blu come macchie d’artista.
• Occhiali da nerd
• lo sguardo è sfuggente. Penserete si tratti di una persona timida, ma in verità i suoi pensieri sono: “Che schifo di gente, che puzza, speriamo non mi sfiorino, pensiamo ad altro, ma guarda quello?!?! Che mondo di plebei ignoranti!”.
• Non cammina, fluttua
• Vive in un mondo a parte dove non contano i valori umani: contano i refusi, che sono il male cosmico
• Non parla mai della sua vita, a meno che non debba lamentarsi del troppo lavoro, del fatto che sta sveglia la notte a correggere le bozze, dell’autore che è un incompetente, dell’ultimo film del festival locale kazaco (che però non vi consiglia di vedere, voi non lo capireste), del teatro alternativo di via inculonia di quel paese
• Viaggia molto, e ci tiene a farvelo sapere perché ha molto bisogno di rigenerarsi viaggiando in Cisgiordania con una capatina nei tunnel della striscia di Gaza
• Tutto il mondo intorno a lei è volgare e lo si legge da ogni suo sguardo

• Dice di odiare la tecnologia e i social, ma sa TUTTO sui sistemi e gli applicativi Apple, di cui ovviamente dispone in redazione e a casa
twilight_can_hold_all_these_books_by_tess_27-d4q160tFa tardi in redazione, il suo piccolo mondo antico, perché, se ancora non lo sapete, l’equilibrio del mondo si regge sull’uscita del libro che sta curando in quel periodo, è importante, è fondamentale, è di vitale importanza. Non lo sapete???
• Fa battute esilaranti sulla disposizione delle foto su una pagina: le cambia 100 volte prima di decidere tra due foto fondamentalmente uguali
• Non si accorge che il suo lavoro è del tutto simile a quello di qualsiasi segretaria di provincia: orari flessibili, stipendio intoccabile, ferie sacre. O forse si accorge, ma cerca di nascondere il sorriso malefico ogni volta che posa il suo sguardo sulle schiere di collaboratori precari che fanno il libro al posto suo

Advertisements

2 commenti su “Identikit del redattore editoriale: ridiamoci sopra!

  1. NonnaSo
    28 gennaio 2014

    ahahah muoro!

  2. Pingback: Identikit del redattore editoriale: ridiamoci sopra! | PhilosoBia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24 gennaio 2014 da in Al lavoro! con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: